Informazioni ed assistenza sanitaria per l'Afghanistan

In considerazione della situazione di sicurezza interna dell'Afghanistan si sconsiglia di intraprendere viaggi a qualsiasi titolo nel Paese.

Ai connazionali che dovessero, per motivi inderogabili e sotto la propria responsabilità recarsi nel Paese, si raccomanda vivamente di contattare, con anticipo prima di partire, l’Ambasciata d’Italia a Kabul, di informarla della propria presenza immediatamente all’arrivo in Afghanistan (Ambasciata d’Italia tel. 00873-763068371, 0093-20-21023144; fax 0039-06-46913560; cellulare 0093-70-288942 con reperibilità h24; e-mail: ambasciata.kabul@esteri.it ) e di registrare i dati relativi al viaggio sul sito: www.dovesiamonelmondo.it

Si raccomanda inoltre di comunicare costantemente all’Ambasciata i propri spostamenti sul territorio, riducendoli allo stretto indispensabile, e di attenersi scrupolosamente, per tutta la durata del viaggio, ai suggerimenti che verranno indicati dall’Ambasciata stessa.

- Vedere “Sicurezza”

Analisi di laboratorio hanno accertato nel marzo scorso la presenza del virus H5N1 dell’influenza aviaria su alcuni volatili morti provenienti da Kabul, Jalalabad e Khogiani. Altri campioni provenienti da Kandahar e Kunduz hanno dato esito negativo.


Le Autorità locali stanno adottando misure preventive e controlli sugli allevamenti di volatili per prevenire il diffondersi dell'epidemia. Ai connazionali che devono operare nel Paese si consiglia di consumare carne e uova di volatili e pollame solo se ben cotte e di evitare ogni forma di contatto diretto con volatili e pollame vivo o morto.

Per ulteriori avvertenze si rinvia all’opuscolo “L’influenza aviaria: rischi, informazioni e misure preventive” riportato sulla home page di questo sito. Maggiori informazioni possono anche essere reperite presso la propria ASL o consultando il sito del Ministero della Salute: http://www.ministerosalute.it o dell’Organizzazione Mondiale della sanità: http://www.who.int/csr/don

Formalità valutarie
L'esportazione di tappeti e prodotti in pietre preziose è sottoposta a restrizioni e imposizioni doganali.

Documentazione necessaria per l'ingresso nel paese
Passaporto con validità residua di almeno tre mesi.
Visto necessario, da richiedersi all'Ambasciata dell'Afghanistan in Roma.

Normativa prevista per uso e/o spaccio di droga (leggere o pesanti): è prevista l'applicazione delle pene conformi alla legge islamica.

Normativa prevista per abusi sessuali o violenze contro i minori
è prevista l'applicazione delle pene conformi alla legge islamica. Va ricordato che coloro che commettono all'estero reati contro i minori (abusi sessuali, sfruttamento, prostituzione), secondo la legge italiana, vengono comunque perseguiti al rientro in Italia.

Situazione sicurezza in generale
Altamente deteriorata in tutto il Paese ed in particolare nelle zone lontane dai principali centri urbani a causa del proliferare di atti di banditismo e di ostilità nei confronti della presenza occidentale, soprattutto nelle zone meridionali e sud-orientali. Particolare attenzione va mantenuta nei centri urbani e in particolare Kabul, dove resta alto il rischio di rapimenti. In caso di manifestazioni è essenziale evitare di stare all'aperto e restare in luoghi sicuri.

Zone a rischio (da evitare)
Tutto il territorio.

Sono sconsigliati viaggi a qualsiasi titolo nel Paese.
Vedi voce Avvisi particolari.

Avvertenze
Ai connazionali che si trovano nel Paese è raccomandato vivamente di tenersi costantemente in contatto con l'Ambasciata d'Italia a Kabul, segnalando sempre ogni movimento sul territorio alla stessa Ambasciata ed attenendosi scrupolosamente durante la permanenza a norme di comportamento qui di seguito suggerite, nonché ad ogni altra indicazione fornita dall'Ambasciata . Si ricorda ai connazionali che è altresì opportuno registrare i dati relativi al viaggio che si intende effettuare all'estero sul sito : www.dovesiamonelmondo.it .


Comportamenti da evitare:
- utilizzare mezzi pubblici (Taxi, Bus, trasporti collettivi);
- viaggiare in auto senza la chiusura delle portiere, o con finestrini aperti;
- esporre oggetti di valore nell'auto durante le soste ai semafori o negli ingorghi del traffico;
- reagire in caso di aggressioni a scopo di furto o di furti di oggetti;
- telefonare o ricevere telefonate da cellulare camminando per strada;
- utilizzare abitudinariamente gli stessi percorsi stradali;
- utilizzare abitudinariamente gli stessi orari;
- comunicare programmi, spostamenti e appuntamenti in ambienti pubblici o con mezzi di comunicazione poco riservati;
- lasciare documenti o appunti incustoditi;
- frequentare luoghi pubblici affollati ( nelle prime ore della mattina in particolare) come mercati, stazioni ferroviarie o di autobus.

Comportamenti da seguire:
- fare attenzione ad auto sospette od a persone estranee al quartiere, che sostino sia in prossimità della abitazione che dell'ufficio;
- verificare con i vicini di casa circa eventuali presenze "anomale" di persone o di mezzi nel circondario;
- verificare frequentemente durante gli spostamenti in auto il retrovisore per controllare se qualcuno sta seguendo il vostro mezzo;
-- reclutare personale di sicuro affidamento. ( Controllare presso autorità locali la validità del dossier fornito della persona);
- istruire il vostro personale (domestici, autisti, guardiani, giardinieri.) circa le "possibili minacce o rischi" a cui prestare attenzione (es.: necessità di controllare gli estranei, di segnalare pacchi e oggetti di cui non si conosce la provenienza );
- adottare un impianto video di sorveglianza, della abitazione o degli uffici deve avere un sistema che permetta di verificare frequentemente le registrazioni delle persone sospette;
- segnalare tempestivamente alle autorità locali od alla Ambasciata d'Italia fatti o persone sospetti;
- ricordarsi che la prevenzione e la collaborazione sono strumenti essenziali per la difesa contro terrorismo e criminalità;
- è necessario attenersi rigidamente, almeno in pubblico, alle prescrizioni dei costumi islamici.

Le uniche strutture sanitarie affidabili sono attualmente quelle gestite dai contingenti militari o da organizzazioni internazionali.

Nel Paese sono diffuse le seguenti malattie: lesmaniosi, dissenteria e focolai di colera, malaria e pertosse.

La reperibilità dei farmaci comunemente usati in Italia è possibile soltanto presso le predette strutture ospedaliere gestite da personale internazionale.
SI consiglia ai connazionali di avere una copertura assicurativa internazionale che preveda anche l'eventuale rimpatrio sanitario d'emergenza o il trasferimento del malato in altro Paese idoneo all'intervento.

Avvertenze igienico sanitarie ed alimentari: si sconsiglia il ricorso ad alimenti acquistati localmente, in particolare se non preconfezionati. Bere esclusivamente acqua e bibite imbottigliate, senza aggiungere ghiaccio nelle bevande.

Eventuali vaccinazioni consigliate, previo parere medico: colera, tifo, malaria, polio, epatite A e B, tetano e difterite.
Vaccinazioni

Obbligatorie: nessuna.
Consigliate, previo parere medico le vaccinazioni contro: colera, tifo, malaria, polio, epatite A e B, tetano e difterite.

Assicurazione
RCA obbligatoria. Necessaria per i visitatori Assicurazione a breve termine (min. 1 settimana), ottenibile a Kabul, con garanzia illimitata per lesioni corporali e per un controvalore di min. 40.000 US $ per i danni materiali.


Patente
patente internazionale (modello Convenzione di Ginevra 1949)

Rete stradale ordinaria
23.500 km (di cui 2.846 asfaltati)
Con l'esclusione di pochissime direttrici, è in pessime condizioni.

Rete ferroviaria
inesistente.

Aeroporti
Kandahar e Kabul.
I voli della compagnia di bandiera afghana Ariana collegano Kabul con Dubai, Teheran, New Delhi, Istanbul, Francoforte, Mosca. La Azerbaijan Airlines collega Kabul con Baku. La compagnia Ariana effettua collegamenti tra Kabul e i principali centri del Paese.

Trasporti interni
Trasporti in generale: all'interno delle città sono utilizzabili esclusivamente taxi. Non esiste rete ferroviaria e quella stradale è molto limitata con l'esclusione di pochissime direttrici.

I voli della compagnia di bandiera afghana Ariana collegano Kabul con Dubai, Teheran, New Delhi, Istanbul, Francoforte, Mosca. La Azerbaijan Airlines collega Kabul con Baku. La compagna Ariana effettua anche collegamenti tra Kabul ed i principali centri del Paese.






(Testo tratto dal sito www.visticonsolari.dalu.it - © Agenzia Dalu Via Gian Luca Squarcialupo, 19/b 00162 Roma )
servizio riservato ai cittadini stranieri che vogliono venire in ITALIA per turismo, affari ed altro.
La nostra agenzia può fornire i documenti necessari per la domanda del visto, FIDEIUSSIONE e POLIZZA ASSICURATIVA.
Contattaci per ulteriori informazioni

Servizi
Link utili
F.A.Q.
Dove Siamo
Chi Siamo
Contatti
Cookie policy
Home


Camera
Commercio
Tribunale
Catasto
Ufficio iva
Altri certificati


.:: Previsioni meteo ::.
(click to enlarge)


Agosto 2017
Do
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa


1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31


ORARIO UFFICIO: 09:00 - 13:30 / 14:30 - 18:30     METODI DI PAGAMENTO: Carta di credito (paypal), carta prepagata, bancomat, contrassegno, bonifico     ALGERIA: emettiamo assicurazione sanitaria per l'Algeria     RUSSIA: Forniamo INVITI per la Russia ed assicurazione sanitaria     TRADUZIONI: traduzioni SEMPLICI e GIURATE in tutte le lingue     CERTIFICATI: CCIA, Registro Imprese, Tribunale Civile/Penale, Ufficio Entrate, Anagrafe, Prefettura, Procura     CUBA: rilasciamo targhette Cuba ed assicurazione sanitaria     CONSEGNA/RITIRO IN AEROPORTO: di Roma Fiumicino/Ciampino tutti i giorni 24 ore su 24     IRAN: Forniamo INVITI per l'iran ed Assicurazione Sanitaria      AZERBAIJAN: Forniamo INVITI per l'Azerbaijan      ASSICURAZIONI SANITARIE: Forniamo assicurazioni sanitarie per tutti i Paesi     VISTI PER L'ITALIA: Forniamo documenti quali FIDEIUSSIONE ed ASSICURAZIONE SANITARIA per ottenere il visto per l'Italia     LEGALIZZAZIONE DOCUMENTI: presso tutti i Consolati/Ambasciate     BIELORUSSIA: Forniamo INVITI per la Bielurussia ed Assicurazione Sanitaria     LIBIA: Forniamo INVITI per la Libia