Informazioni ed assistenza sanitaria per l'Arabia Saudita

CLIMA E TERRITORIO
Regno dell'Asia sud-occidentale, abbraccia quasi per intero la penisola arabica, che si presenta come un blocco di tavolati, di origine antichissima, solcati da profonde gole lungo la costa occidentale che si affaccia sul Mare Rosso. Il paesaggio è desertico, tranne che in una lunga fascia centrale, percorsa da falde acquifere, provenienti dalle catene montuose meridionali.
Sulla pianura costiera che costeggia il Mar Rosso, il caldo è molto forte tutto l'anno, con scarti modesti tra giorno e notte, e reso ancor più insopportabile dall'elevata umidità. I mesi meno soffocanti sono dicembre, gennaio e febbraio. Sul litorale del golfo Persico, il clima è pressoché identico. Nelle regioni montagnose e sugli altipiani che occupano la parte occidentale e il centro del paese, l'umidità diminuisce man mano che si procede all'interno. Esistono variazioni di temperatura importanti tra il giorno e la notte (anche 20°) in città come Ryad e Medina.



CERTIFICAZIONI RICHIESTE


febbre gialla: il certificato di vaccinazione contro la febbre gialla è richiesto a tutti i viaggiatori provenienti da paesi in cui vi siano zone infette.

HIV: richiesta del test HIV a tutti gli stranieri che richiedono permessi di lavoro o di residenza devono presentare un certificato del test HIV.

meningite meningococcica: i pellegrini alla Mecca sono tenuti a presentare un certificato di vaccinazione contro la meningite meningococcica redatto da non più di 3 anni e non meno di 10 giorni dal loro arrivo in Arabia Saudita. I pellegrini provenienti da paesi dove infieriscono le malattie sottoposte al Regolamento Sanitario Internazionale o da paesi in cui la meningite meningococcica è endemica verranno sottoposti a controlli sanitari.



VACCINAZIONI CONSIGLIATE


difterite e tetano; morbillo; febbre tifoide; epatite A; epatite B; rabbia; meningite meningococcica.



RISCHI PER LA SALUTE


- malaria: il rischio di malaria, principalmente da P. falciparum, esiste tutto l'anno nella maggior parte della provincia del Sud (eccetto le zone di elevata altitudine della provincia di Asir) e in alcune zone rurali della provincia dell'Ovest. Non vi è nessun rischio alla Mecca e a Medina. Segnalata resistenza del P. falciparum alla clorochina.
Profilassi raccomandata nelle aree a rischio: consultare il proprio medico

- Altre malattie trasmesse da artropodi: si osserva la leishmaniosi cutanea e viscerale (quest'ultima è presente nella parte sud-occidentale del paese). Possono manifestarsi il tifo murino e il tifo da zecche e, di tanto in tanto, la febbre ricorrente da zecche.

- Diarrea del viaggiatore: rischio elevato. Raccomandata rifaximina per eventuale trattamento.

- Altre malattie trasmesse tramite gli alimenti e l'acqua: costituiscono un rischio molto importante per la salute. La febbre tifoide e l'epatite A infieriscono nel paese. Segnalati casi di colera, dracunculosi e teniasi. La brucellosi è molto diffusa ed esistono focolai di echinococcosi (idatidosi).


- Altre malattie: Esiste il rischio di schistosomiasi e sono riscontrati il tracoma e la rabbia animale. Il più grande rischio che corre un pellegrino che si reca alla Mecca e a Medina è lo sfinimento per perdita idro-salina dovuta al calore, se il periodo del pellegrinaggio (Hajj) coincide con la stagione calda. Nel paese esiste un'alta prevalenza (5-20%) di portatori del virus HBV, responsabile dell'epatite B.



SICUREZZA



15 dicembre 2004 - Il rischio di attentati terroristici in Arabia Saudita impone di mantenere elevata al massimo la soglia di attenzione e di moltiplicare gli accorgimenti dettati dalla prudenza.
Si sconsigliano, pertanto, viaggi nel Paese se non assolutamente necessari .

Per quanto riguarda le maestranze italiane legate a contratti di manutenzione o a programmi di formazione post-vendita il Mnistero degli Esteri invita a:
- considerare l'accorpamento delle scadenze contrattuali in modo da ridurre il numero dei viaggi;
- seguire le raccomandazioni della nostra Ambasciata e riportare sul sito web (www.italia-as.org ).

A coloro che dovessero comunque recarsi in Arabia Saudita si raccomanda vivamente di segnalare, immediatamente all'arrivo la propria presenza ai nostri uffici diplomatico-consolari in loco (Ambasciata a Riad fax 00966 1 4881951, e-mail: stoarrivando@italia-as.org - Consolato a Gedda fax 00966 2 6447344, e-mail: consolato.gedda@esteri.it), per l'inserimento nel piano di sicurezza della collettività, rivolto anche alle presenze temporanee di connazionali.
E' di prioritaria importanza disporre, anche per periodi brevi, di un telefono cellulare locale o abilitato al funzionamento internazionale in Arabia Saudita.
E' importante che ogni connazionale che soggiorni anche per brevi periodi nel Paese sia personalmente e responsabilmente convinto della adeguatezza delle misure di sicurezza che lo circondano e che potrà verificare anche con l'aiuto della rete diplomatico-consolare italiana presente sul territorio.
Anche per coloro che soggiornano nel Paese per un periodo di tempo limitato si raccomandano gli accorgimenti dettati dalla prudenza (quali ad esempio: limitare gli spostamenti specie se individuali, evitare i luoghi frequentati da occidentali in ore di punta, non lasciare l'autoveicolo incustodito, non esitare a cambiare alloggio o soluzione abitativa ove si riscontrino insufficienti condizioni di sicurezza e rispettare rigorosamente le regole prescritte da usi e sensibilità locali).


Per quanto riguarda il sistema giudiziario, le procedure giudiziarie del paese sono basate sulla religione islamica. Alcuni comportamenti considerati normali in Italia costituiscono una grave offesa ai costumi e alle usanze saudite. La pena per aver infranto la legge può essere più severa. Durante le indagini i sospetti potrebbero essere trattenuti senza assistenza legale e con limitato accesso ad assistenza consolare. Le pene per l'importazione, la produzione, il possesso oppure il consumo delle bevande alcoliche sono molto severe. I condannati rischiano di essere arrestati, multati, frustati in pubblico oppure essere espulsi dal paese. La pena per il trafficante di droga è la morte. Le autorità doganali e la polizia sono molto seri nella ricerca di sostanze stupefacenti. In tali casi, l'Ambasciata non può avere accesso alle indagini e non può avere accesso alle corte per indurre clemenza a favore del proprio cittadino. L'omosessualità è considerata un crimine e i condannati rischiano di essere frustati in pubblico o messi in prigione o addirittura condannati alla pena di morte. Le autorità saudite non permettono critiche all'islam oppure nei confronti della famiglia reale. Il Regno è aderente all'Accordo Internazionale sulla Tutela dei Minori e la pena per l'abuso sessuale contro i minori è molto severa. La pena per molestia sessuale è la morte.

l'islam prevale in tutti gli aspetti di vita nel paese. Per i non musulmani la libera pratica del culto in pubblico è considerato un reato. Gli articoli religiosi di altre religioni come il crocifisso e la bibbia sono proibiti cosi come il viaggio dei non musulmani alle sacre città di Mecca e Medina. Le norme di condotta nel paese sono estremamente conservatrici e la polizia religiosa chiamata "Mutawwa" è incaricata di preservare i costumi tradizionali basati sulla rigida osservanza della religione islamica. Il loro compito principale è quello di mantenere la separazione dei due sessi che non abbiano legami familiari tra di loro. La donna trovata con un altro uomo con cui non ha legami familiari potrebbe essere accusata di prostituzione ed incorrere nella deportazione. I Muttawwa sono molto attivi nella capitale Ryad e nella provincia centrale di "Najd" del paese. Alle donne è proibito indossare i pantaloni in pubblico e sono obbligate ad indossare abiti sino alle caviglie, con maniche lunghe. Nella capitale Ryad i Muttawwa obbligano le donne ad indossare il tradizionale velo nero arabo "Abaya" coprendo dalla testa fino alle caviglie. Alcuni franchising di fast food e ristoranti occidentali hanno sezioni per le famiglie, tuttavia non è da escludere un controllo da parte dei Muttawwa. Perciò occorre mantenere la calma durante il controllo dei Muttawwa sia in questi luoghi sia nei souks che nei centri commerciali. Alle donne è proibito guidare sia l'autovettura che le biciclette sulle strade pubbliche. La danza, il cinema e la musica in pubblico sono proibiti. In ogni caso, si consiglia di rispettare le usanze ed i costumi sauditi per quanto possibile. In caso di problemi con i Muttawwa, si prega di contattare l'Ambasciata a Ryad oppure il Consolato a Gedda.


(Testo tratto dal sito www.visticonsolari.dalu.it - © Agenzia Dalu Via Gian Luca Squarcialupo, 19/b 00162 Roma )
servizio riservato ai cittadini stranieri che vogliono venire in ITALIA per turismo, affari ed altro.
La nostra agenzia può fornire i documenti necessari per la domanda del visto, FIDEIUSSIONE e POLIZZA ASSICURATIVA.
Contattaci per ulteriori informazioni

Servizi
Link utili
F.A.Q.
Dove Siamo
Chi Siamo
Contatti
Cookie policy
Home


Camera
Commercio
Tribunale
Catasto
Ufficio iva
Altri certificati


.:: Previsioni meteo ::.
(click to enlarge)


Agosto 2017
Do
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa


1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31


ORARIO UFFICIO: 09:00 - 13:30 / 14:30 - 18:30     METODI DI PAGAMENTO: Carta di credito (paypal), carta prepagata, bancomat, contrassegno, bonifico     ALGERIA: emettiamo assicurazione sanitaria per l'Algeria     RUSSIA: Forniamo INVITI per la Russia ed assicurazione sanitaria     TRADUZIONI: traduzioni SEMPLICI e GIURATE in tutte le lingue     CERTIFICATI: CCIA, Registro Imprese, Tribunale Civile/Penale, Ufficio Entrate, Anagrafe, Prefettura, Procura     CUBA: rilasciamo targhette Cuba ed assicurazione sanitaria     CONSEGNA/RITIRO IN AEROPORTO: di Roma Fiumicino/Ciampino tutti i giorni 24 ore su 24     IRAN: Forniamo INVITI per l'iran ed Assicurazione Sanitaria      AZERBAIJAN: Forniamo INVITI per l'Azerbaijan      ASSICURAZIONI SANITARIE: Forniamo assicurazioni sanitarie per tutti i Paesi     VISTI PER L'ITALIA: Forniamo documenti quali FIDEIUSSIONE ed ASSICURAZIONE SANITARIA per ottenere il visto per l'Italia     LEGALIZZAZIONE DOCUMENTI: presso tutti i Consolati/Ambasciate     BIELORUSSIA: Forniamo INVITI per la Bielurussia ed Assicurazione Sanitaria     LIBIA: Forniamo INVITI per la Libia